Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
A Pistoia è in restauro la chiesa del matrimonio mistico tra il Vescovo e la Badessa | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  A Pistoia è in restauro la chiesa del matrimonio mistico tra il Vescovo e la Badessa | Viaggiando Facile
A Pistoia è in restauro la chiesa del matrimonio mistico tra il Vescovo e la Badessa | Viaggiando Facile

Scritto da Michela | 5 luglio, 2012 8:00

Nella chiesa di San Pier Maggiore a Pistoia  si celebrava il matrimonio mistico tra il Vescovo ed una badessa
In esclusiva per Fenix lo staff di Luoghi Misteriosi documenta la chiesa di San Pier Maggiore a Pistoia, inaccessibile e chiusa al pubblico, per recuperare un culto unico al mondo in cui per caso o per volontà se ne sono perdute le tracce. 

La chiesa di San Pier Maggiore a Pistoia risale all’epoca longobarda, è dedicata a SS. Pietro e Paolo e ha avuto nel passato una tale importanza da attribuire il suo nome alla Porta Meridionale (Porta Sancti Petri) e da ospitare un rituale decisamente insolito che per la prima volta viene documentato sulla rivista Fenix di questo mese dallo staff del sito www.luoghimisteriosi.it . 

Secondo un documento del 1561, in questa chiesa avveniva periodicamente il matrimonio mistico tra il nuovo vescovo della diocesi di Pistoia e la badessa del convento di San Pietro. Questo evento rimasto “in attivo” fino al XVI secolo, avrebbe dovuto rappresentare la simbolica unione tra il vescovo appena eletto e una donna che rappresentava la figura della Chiesa pistoiese, seguendo un rituale molto preciso, richiamando gli antichi culti pagani nei quali l’unione tra uomo e donna aveva il valore aggiunto dell’unione tra l’uomo e Dio.

Lo “sposo” giungeva a Pistoia su un cavallo bianco, oltrepassando porta Lucchese si spostava lungo le vie della città, fino alla chiesa di San Pier Maggiore, scelta ad hoc per ospitare il matrimonio mistico. All’interno gli sposi si sarebbero incontrati accomodandosi su un letto addobbato accanto all’altare maggiore. In tal modo avrebbero simboleggiato la consumazione che si concludeva con la consegna dell’anello alla badessa. A questo punto lo sposo avrebbe abbandonato la chiesa per recarsi nella cattedrale, ciò a dimostrazione che San Pier Maggiore era quasi più importante dello stesso Duomo, perché era d’obbligo la sosta con il rito annesso.

Successivamente, forse per i cattivi pensieri che nel corso degli anni potevano dare adito, la cerimonia fu spostata all’esterno dell’edificio, sul sagrato e il letto fu sostituito con due scranni.

Nel corso degli anni il rituale arrivò a scomparire del tutto e la stessa chiesa venne sconsacrata e chiusa definitivamente al pubblico. Perché l’abbandono? Un errore delle istituzioni dei beni culturali italiani o un intento voluto? Per fortuna un gruppo di lavoro dell’Istituto Policarpo Petrocchi, con la supervisione della preside Pastacaldi Elisabetta, si è attivato per un’opera di restauro.

La foto in allegato © Mirko Urso e Gianluca Cinquilli

Altre info: http://www.luoghimisteriosi.it/collaborazioni-fenix.html

Isabella Dalla Vecchia

Sergio Succu

Luoghi Misteriosi
Tel. 3474763232

info@luoghimisteriosi.it
info@mysteriousplaces.it