Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
Post Mortem in Castello Murder Party con Delitto Sabato 2 aprile alla Rocca di San Secondo (Parma) | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  Post Mortem in Castello Murder Party con Delitto Sabato 2 aprile alla Rocca di San Secondo (Parma) | Viaggiando Facile
Post Mortem in Castello Murder Party con Delitto Sabato 2 aprile alla Rocca di San Secondo (Parma) | Viaggiando Facile

Scritto da Michela | 21 marzo, 2011 8:15

Un Castello dai mille segreti e dai destini incrociati da scoprire. Un intrigo da risolvere con l’acume del detective e l’intuito dell’indovino. Una speciale visita guidata ad uno dei più misteriosi manieri del parmense – la Rocca dei Rossi di San Secondo dove leggenda vuole a mezzanotte si aggiri il fantasma di una fanciulla dai lunghi capelli – accompagnati da una guida di sala in sala, tra arte, arcani, letteratura e storia. Una cena seduti al tavolo, con menù a buffet, dove conoscere nuovi amici, divertirsi in compagnia ed un Murder Party con Delitto a cui giocare divertendosi tutti insieme.

Ecco la formula per trascorrere una serata originale, in una location esclusiva,  dalle 20 a mezzanotte quando i rintocchi suoneranno l’ora fatale per l’assassino: riuscirete a smascherarlo e assicurarlo alla giustizia? Oppure lascerete che continui ad agire indisturbato in mezzo a voi?

Murder Party con Delitto si svolge sabato 2 aprile dalle 20 al Castello di San Secondo Parmense. Si intitola “Post Mortem” e tra ispirazione dal segreto che si cela dietro un’antica spilla. Pensate ad un bambino nato nel 1769 che in futuro avrebbe conquistato e dominato l’Europa: Napoleone Bonaparte. Entrate in un Castello, il maniero di San Secondo Parmense, a sette chilometri dalla Rocca Sanvitale di Fontanellato, dove visse  invece Albertina, la figlia di matrimonio morganatico di Maria Luigia d’Austria (che fu moglie di Napoleone) e del Conte Adam von Neipperg.

Il prologo è tutto ciò che vi è dato di sapere: è’ risaputo che Napoleone – nato il 15 agosto 1769 ad Ajaccio – fu uomo dotato di spiccata intelligenza ed incredibili capacità ma non è altrettanto noto che fosse anche molto superstizioso: il grande condottiero infatti non abbandonava mai la sua spilla portafortuna, portandola sempre con se (spesso all’interno della giacca)… finchè un giorno, nell’ottobre del 1812, la spilla andò persa.

Non si sa in quali circostanze l’oggetto tanto caro a Napoleone andò smarrito, ne tantomeno che fine fece in seguito, ma c’è qualcuno che è convinto di essere riuscito a ritrovarlo…

Ma facciamo due passi indietro nel tempo. Proveniente da una famiglia borghese, con lontane origini nobiliari toscane, il piccolo Napoleone, fanciullo, ebbe come era costume dell’epoca una nutrice e, per quanto non sia stato tramandato il nome di questa donna, ella assunse un ruolo centrale nella sua infanzia.

Al compimento dei sei anni di età del bambino, la nutrice, che era di umili natali, volle regalargi l’oggetto più prezioso che possedeva: una spilla.

Tale spilla era un gioiello molto semplice, costituito di materiali non pregiati, ma aveva per  il fanciullo un altissimo valore sentimentale e divenne il suo portafortuna segreto.

Il bambino divenne ragazzo e poi uomo, seguendo lo straordinario corso del proprio destino e scolpendo nella storia il proprio nome: Napoleone Bonaparte.

L’evento – mai andato in scena finora – è organizzato da Cooperativa Parmigianino (www.parmigianino.org) in collaborazione con Associazione Ludica-Culturale Oltre Lo Specchio. L’iniziativa è adatta a persone dai 18 anni in su. Durante la serata si gioca ad indovinare l’assassino seguendo la trama – nuova e mai messa in scena finora – con gli ingredienti di un noir in piena regola.

Fra colpi di scena e degustazioni gastronomiche sfiziose, si dipana un giallo a carattere interattivo, divertente, che stimola la fantasia e la creatività di ognuno. E’ previsto, inoltre, un buffet che strizza l’occhio alla Francia, un angolo delle delizie dolci e salate con prodotti tipici, bevande e vini. I commensali si ritroveranno coinvolti in un complicato intrigo da risolvere: l’acume, l’ingegno, la fantasia nel risolverlo permetterà loro di far emergere lo spirito del detective che alberga in ciascuno.

E’ gradita la puntualità. Non servono requisiti particolari per partecipare, se non tanta voglia di divertirsi. Non c’è il rischio che conosciate la trama, perché il testo è originale e adatto al luogo in cui si svolge. Chi volesse concedersi un extra e pernottare nei dintorni e visitare l’indomani – domenica 3 aprile – la Rocca Sanvitale di Fontanellato e l’Affresco del Parmigianino (ad appena 7 Km da San Secondo Parmense) oppure visitare la Fortezza di Bardi in  montagna dove si aggira il Fantasma del Cavalier Moroello (circa 60 km da San Secondo e da Fontanellato) consigliamo di contattare Le Suites Le Notti – In Villa, Dimora di Charme inserita nel Circuito dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza www.invilla.info.
Le prenotazioni per partecipare all’evento “Post Mortem” sono obbligatorie: Cooperativa Parmigianino tel. 0521.821139 oppure Uit di San Secondo: 0521.872147 oppure Iat Rocca Sanvitale, tel. 0521.829055. Costo dell’evento 50 euro (escluso l’eventuale pernottamento e le visite successive ai Castelli di Bardi e di Fontanelato).