Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
Unesco | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  Unesco | Viaggiando Facile
Unesco | Viaggiando Facile

Da oggi i “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino” sono nella Lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Con le iscrizioni nella lista Unesco dei siti dell’Italia longobarda e dei siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino – dichiara il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo Galan – il nostro Paese vede confermato un indiscusso primato, dovuto ad un patrimonio culturale e paesaggistico ricco e diffuso, frutto della millenaria interazione tra uomo e natura sul nostro territorio. Ringrazio per questo risultato l’amministrazione centrale e periferica del Ministero, che ha lavorato in stretta collaborazione con gli Enti Locali interessati. Ora è nostro dovere adoperarci per far sì che il coronamento di questo lavoro sia il punto di partenza per restituire visibilità a questo patrimonio”.

La serie dei Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino si estende sui territori di sei paesi, Svizzera Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia, e comprende una selezione di 111 villaggi palafitticoli ritenuti i più interessanti tra i circa 1000 siti noti. Il sito seriale è composto dai resti di insediamenti preistorici databili fra il 5000 e il 500 a.C. Si tratta di siti spondali ubicati sulle rive di laghi o di fiumi oppure in torbiere che hanno consentito un’eccellente conservazione dei materiali organici.

Grazie alla notevole quantità ed importanza dei risultati scientifici, le palafitte restituiscono un’immagine precisa e dettagliata del mondo della prime comunità agricole in Europa, in particolare della vita quotidiana, delle pratiche agricole, dell’allevamento degli animali domestici e delle innovazioni tecnologiche. L’arco temporale di 4000 anni, coperto dalla serie, coincide con una delle fasi più importanti della storia recente dell’umanità: la nascita delle società moderne. Oggi, grazie alla dendrocronologia (datazione per mezzo degli anelli di accrescimento degli alberi) possiamo datare con precisione gli elementi architettonici in legno consentendo di analizzare in dettaglio l’organizzazione spaziale interna dei villaggi preistorici lungo un ampio arco cronologico.I siti palafitticoli sono le migliori fonti archeologiche di cui al momento si dispone per conoscere le culture preistoriche.

…l’articolo continua »


La lista Unesco si arricchisce di nuovi patrimoni, tra cui figurano alcuni siti italiani. Infatti è stato  insignita col titolo di patrimonio dell’umanità la “Via Longobardorum”, un itinerario di otto luoghi che attraversano tutto lo stivale, dal Friuli fino alla Puglia, caratterizzati dalla presenza di testimonianze dell’antico popolo longobardo. Per l’Italia si tratta del 46° sito iscritto nella celebre Lista.

La serie comprende le più importanti testimonianze monumentali Longobarde esistenti sul territorio italiano, che si situano dal nord al sud della penisola, laddove si estendevano i domini dei più importanti Ducati Longobardi che formarono quella che possiamo definire la prima “nazione” italiana.

…l’articolo continua »

Scritto il 5 luglio, 2011 da : Michela | Comments (0)
Tags: basilica di san salvatore a spoleto, castrum di castelseprio torba varese, chiesa di santa sofia a benevento, complesso monastico di san salvatore santa giulia brescia, il tempietto longobardo a cividale del friuli, patrimonio dell'umanità, patrimonio dell'umanità via longobardorum, santuario garganico di san michele a monte sant'angelo foggia, tempietto del clitunno a campello perugia, unesco

Come ogni anno dal 1977, il 18 maggio l’ICOM (International Council of Museums) celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Musei. In questi ultimi anni la manifestazione ha conosciuto una notevole crescita: dall’America all’Oceania, passando per Africa, Europa e Asia, questo evento internazionale ha confermato la sua popolarità, coinvolgendo quasi 30.000 musei in più di 100 paesi nel mondo.

Per la prima volta, inoltre, la Giornata Internazionale dei Musei si svolge in collaborazione con l’UNESCO Memory of the World Programme, con il Coordinating Council of Audiovisual Archives Associations (CCAAA), con l’International Council of Archives (ICA), con l’International Council of Monuments and Sites (ICOMOS) e con l’International Federation of Library Association (IFLA), nell’intento dichiarato di arricchire di contenuti l’evento, aprendo a un’idea di più ampio respiro di valorizzazione integrata del patrimonio culturale.

…l’articolo continua »


|