Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
Toiano, il paese fantasma – Il Graal a Lanciano? – Le misteriose teste di Pistoia (video) | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  Toiano, il paese fantasma – Il Graal a Lanciano? – Le misteriose teste di Pistoia (video) | Viaggiando Facile
Toiano, il paese fantasma – Il Graal a Lanciano? – Le misteriose teste di Pistoia (video) | Viaggiando Facile

Scritto da Michela | 24 aprile, 2012 9:39

Toiano, il paese fantasma

Questo antico borgo, al quale si accede da un ponte (un tempo un ponte levatoio) risale all’alto medioevo, ma oggi è completamente abbandonato e disabitato. E’ il paese fantasma per eccellenza, affascinante a tal punto che chi si reca viene inevitabilmente investito dall’atmosfera di rovina e abbandono, senza questa grande distanza dall’ultimo centro abitato e senza l’ambiente deserto che lo circonda, non avrebbe avuto questa veste così misteriosa e intrigante. Vederlo abbandonato non può che stringere il cuore, ma la sua aria solitaria la si respira solo a percorrerne le stradine ad incontrare il brivido degli spiriti, uniche entità che lo abitano. 

Leggi il resto e guarda le suggestive foto alla pagina http://www.luoghimisteriosi.it/toscana/toiano.html  

Il Graal è conservato in Abruzzo a Lanciano? Un’ipotesi sconcertante, ma non troppo. In seguito alle analisi in laboratorio, la città legata alla nascita e alla morte di Longino conserverebbe tracce di sangue umano. Ne parla in esclusiva la rivista Fenix con l’articolo di Isabella Dalla Vecchia (Luoghi Misteriosi) questo mese in tutte le edicole.

L’inconsueto primato di Lanciano riguarda il primo miracolo eucaristico che avvenne nell’VIII secolo d. C. in cui fu coinvolto un monaco dell’ordine di San Basilio che durante la messa nella chiesa dei Santi Legonziano e Domiziano dubitando della vera presenza di Cristo nell’ostia e nel vino, si ritrovò  con in mano carne e sangue vivo, oggi ancora conservati nell’ostensorio d’argento. Nel 1970 fu sottoposto ad accertamenti scientifici in laboratorio che riportò risultati sconcertanti, confermando la presenza di sangue umano del gruppo AB identico a quello rinvenuto nella Sacra Sindone di Torino.

A rendere ancora più affascinante il mistero è il fatto che ci troviamo su un importante luogo di culto dedicato a San Longino, il soldato romano famoso per aver trafitto il costato di Gesù. Longino non solo sarebbe originario di Lanciano ma sarebbe anche stato martirizzato qui, portando con sé il sangue di Cristo. Il nome è quello del centurione unito alla parola “lancia”, la reliquia dalle proprietà magiche, una coincidenza avvalorata anche dallo stemma cittadino. Esso presenta in primo piano una lancia che ferisce il sole ( l’emblema del Dio, di Gesù) sopra tre colli (quelli del Golgota).

L’ostensorio d’argento potrebbe essere forse il Graal?

 Questa chiesa conserva inoltre un’Apocalisse particolarmente reale.  In 14 riquadri non si incontrano angeli con in mano trombe, cavalieri dell’Apocalisse, mostri a 7 teste. Si leggono invece episodi di catastrofi naturali, terremoti, maremoti, glaciazioni. Vengono in successione rappresentati il mare che sommerge le montagne (l’innalzamento degli oceani), ma che poi si ritira e si essicca (glaciazione?), la morìa di pesci (forse per via dell’inquinamento), paesaggi che crollano sotto i terremoti mentre vengono sommersi dalle pietre. Questa è l’Apocalisse che spaventa, quella vera, quella che forse stiamo già cominciando a vivere sulla nostra pelle.

http://www.luoghimisteriosi.it/collaborazioni-fenix.html

Le misteriose teste di Pistoia e il terribile Filippo Tedici
Nuovo video di Luoghi Misteriosi!

Le teste che si trovano su diversi muri di Pistoia sarebbero il volto del più nefasto traditore con cui Pistoia abbia mai avuto a che fare, Filippo Tedici. Filippo nel 1325, spodestò lo zio, aprì di nascosto le porte della città al conquistatore Castruccio Castracani, in cambio della nomina a Capitano del Popolo, della figlia di Castruccio e di molto denaro! Dopo la morte di Castruccio Castracani, il Tedici fu esiliato da Pistoia, ma tentò di organizzare una sommossa popolare pistoiese contro i guelfi che governavano la città. Dovette fuggire nuovamente ma, presso il fiume Popiglio, fu riconosciuto ucciso e decapitato. Fu, secondo la leggenda, proprio nei pressi del ponte di Campanelle a Lolle che venne ucciso, assalito dagli abitanti del luogo, fedeli a Pistoia e con gran sete di vendetta per tutto quello che gli aveva fatto subire.

Guarda il video alla pagina: http://www.luoghimisteriosi.it/toscana/pistoiateste.html  

Isabella Dalla Vecchia
Sergio Succu

Luoghi Misteriosi

info@luoghimisteriosi.it
info@mysteriousplaces.it