Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
Infiorate di Spello, 9-10 giugno. Dal pomeriggio all’alba un’emozione lunga più di due chilometri | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  Infiorate di Spello, 9-10 giugno. Dal pomeriggio all’alba un’emozione lunga più di due chilometri | Viaggiando Facile
Infiorate di Spello, 9-10 giugno. Dal pomeriggio all’alba un’emozione lunga più di due chilometri | Viaggiando Facile

Scritto da Michela | 25 maggio, 2012 8:00

Per la festa del Corpus Domini torna il fascino delle Infiorate di Spello, il noto borgo umbro in cui convivono  l’anima romana della “Splendidissima Colonia Julia” e lo spirito mistico francescano,. L’appuntamento per il 2012 è il 9 e 10 giugno, durante quella che è divenuta una delle Infiorate più conosciute e apprezzate nel mondo, per le dimensioni e la qualità artistica delle opere realizzate e per le emozioni e il coinvolgimento capace di suscitare nelle migliaia di visitatori (80-100mila nell’arco del weekend) presenti per l’occasione.

Le iniziative collaterali che fanno da cornice all’evento sono quasi tutte gratuite e ad ingresso libero: la selezione e “capatura” dei fiori nelle vie del centro storico, la visita al Museo delle Infiorate, la mostra fotografica storica, la mostra di ricamo floreale, gli allestimenti floreali di “Finestre, balconi e vicoli fioriti”, musei aperti fino a tarda notte, trenino turistico (dai parcheggi ai principali punti di accesso del centro storico), appuntamenti musicali e la  mostra mercato di florovivasimo. Tutto questo e altro ancora avviene durante la “Notte dei fiori”, la veglia notturna in cui gli infioratori realizzano i bozzetti sulle strade e li compongono con milioni di petali di fiori in attesa della processione domenicale. A ciò si aggiungono i menu (a pagamento) a base di fiori, erbe e altri prodotti tipici nei ristoranti della città.

Dal sabato mattina i visitatori potranno assistere all’entusiasmo dei lavori di preparazione: all’alba c’è l’ultima corsa per la raccolta dei fiori (iniziata molti mesi prima) per completare la tavolozza dei colori; nel primissimo pomeriggio l’allestimento degli impianti di illuminazione e delle strutture protettive antivento e antipioggia; a seguire la realizzazione dei disegni o l’incollatura dei bozzetti sull’asfalto.

Alle sei del pomeriggio la città è viva e animata come in nessun altro periodo dell’anno e si prepara a vivere la “notte dei fiori”, durante la quale gli infioratori, chini a terra fino a quattordici ore consecutive, depositano centinaia di milioni di petali sulla strada.

Il momento più interessante per tutti, bambini compresi, è infatti la veglia notturna, che si svolge nella notte tra il sabato e la domenica del Corpus Domini e che coinvolge attivamente tutte le persone e le famiglie di Spello (quasi 2.000 persone) nella realizzazione di oltre 2 km di splendidi tappeti e quadri floreali lungo le vie medievali del paese. La sera tutti i gruppi di infioratori si organizzano preparando torte, panini, bibite calde e caffè per vincere il sonno durante i lavori. Infatti nessuno va a letto a Spello il sabato delle Infiorate, neppure i bambini….

Curiosando tra le strutture che proteggono le opere dal vento, i visitatori potranno degustare specialità del territorio o fermarsi a mangiare nei ristoranti e nelle trattorie, fare shopping nei negozi di artigianato artistico locale, visitare le mostre di pittura, di fotografia, di ricamo floreale. Per le strade sarà facile incontrare gruppi musicali itineranti con repertori di musica classica, popolare e jazz. C’è tempo per fare tutto durante la lunga Notte dei fiori: musei, mostre, negozi, bar sono aperti da sabato a domenica sera.

Entro le nove della domenica mattina le strade risultano ricoperte da un tappeto policromo e profumato. Uno spettacolo unico a vedersi. In un unico percorso floreale si stendono più di 80 infiorate tra tappeti (ciascuno dai 12 ai 15 mt di lunghezza, con una superficie minima di 15 mq) e quadri (dai 25 ai 90 mq.)

Con la processione domenicale presieduta dal Vescovo, le splendide composizioni si dissolvono nell’aria e possono essere calpestate da chiunque. Di queste opere artistiche non rimane più nulla, se non nella memoria di chi le ha ammirate brevemente e nelle foto e nei filmati a colori che le hanno immortalate. Una magnificenza ancor più stimabile e commovente in considerazione dell’impegno della preparazione e del breve splendore di cui queste opere d’arte hanno goduto.  L’allegria tuttavia non si spegne e tutta la città continua ad assaporare e a condividere, fino alle simboliche premiazioni della sera, questa esperienza di altissimo valore artistico e umano.

IL PROGRAMMA

Domenica 3 giugno

ore 18,00 Inaugurazione Mostra di ricamo floreale, Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

ore 21,00 Premiazione concorso “Finestre balconi e vicoli fioriti”, Piazza Vallegloria

Venerdì 8 giugno

ore 10,00 Apertura delle Mostre:

Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

Mostra fotografica storica (Circolo Cine Photo Amatori Hilspellum)

Mostra di ricamo floreale, Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

Sabato 9 giugno

ore 10,00 Apertura della Mostra mercato di Florovivaismo, Giardini Pubblici

Mercatino degli hobby (Ass. “Clematis – le radici e le ali”),  Piazzetta del Vecchio Opificio

Proseguono le altre mostre:

Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

Mostra fotografica storica

Mostra di ricamo floreale, Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

Prosegue…

LA NOTTE DELL’INFIORATA

Musei, mostre, negozi e bar aperti tutta la notte del sabato fino alla domenica sera!

Domenica 10 giugno

ore 07,00 Termine dei Quadri e dei Tappeti floreali e inizio selezioni della giuria

ore 09,00 Annullo postale “Infiorata di Spello 2012”

Proseguono le altre mostre:

Museo delle Infiorate Piazza Repubblica

Mostra fotografica storica

Mostra di ricamo floreale Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica

Mostra mercato di Florovivaismo Giardini Pubblici

Mercatino degli hobby Piazzetta del Vecchio Opificio

ore 10,00 Celebrazione della Santa Messa Chiesa di Santa Maria Maggiore

ore 11,00 Solenne Processione del Corpus Domini Partenza Chiesa di S.Maria Maggiore

ore 18,00 Premiazione Infiorate 2012 Piazza Repubblica

LE INIZIATIVE: EVENTI E SERVIZI

LE MOSTRE

Museo delle Infiorate (Piazza Repubblica):Mostra dei bozzetti dei Maestri Infioratori; mostra fotografica storica; proiezione di video; ricerche botaniche; foto delle classifiche 2005-11 e delle Infiorate realizzate all’estero e in altre città italiane.

Mostra di Ricamo floreale – V Edizione (Museo delle Infiorate, Piazza Repubblica): Esposizione di opere e lavori di ricamo segnalati nelle passate edizioni Concorso di ricamo a mano “Il fiore ricamato”.

Mostra fotografica (Chiesa di San Gregorio): A cura del Circolo Cine Foto Amatori Hispellum

Mostra mercato di Florovivaismo e articoli d’arredo esterno – VI Edizione (Giardini pubblici): Spello, Giardini in fiore. Espositori italiani e umbri selezionati per tipicità e qualità di produzione.

LE DECORAZIONI DELLA CITTÀ

Dal 1 maggio al 31 luglio tutta la città si trasforma con la VIII edizione di “Finestre, Balconi e Vicoli fioriti” Concorso nazionale “Comuni fioriti 2012”, organizzato dalla Pro Loco di Spello. Nato con l’obiettivo di incentivare e promuovere i valori ambientali e turistici della città, il concorso prevede decorazioni floreali di vicoli e particolari abitativi esterni (porticati, scale, angoli caratteristici, ringhiere, davanzali, terrazzi e balconi ma anche orti e giardini).

LA MUSICA A SPELLO

Profumi, suoni e colori. Durante la “Notte dei fiori” i turisti saranno intrattenuti da gruppi musicali con repertori di musica sacra, popolare, classica e jazz.

INFO POINT E GUIDA DI SPELLO

Due Info Point delle Infiorate saranno allestiti nei punti di accesso principali di Spello. Nei punti di accoglienza sarà distribuita la Guida alle Infiorate e a Spello per conoscere l’evento e la città.

VISITE GUIDATE NOTTURNE

Visite guidate notturne dei siti d’arte della città e dei tappeti floreali con partenza dalla Chiesa Santa Maria Maggiore. Info: cultura@comune.spello.pg.it

TRENINO TURISTICO

Dai parcheggi ai principali punti di accesso del centro storico.

AREE SOSTA PER CAMPER

“L’ISOLA VERDE” DEL FRANTOIO DI SPELLO 

Località Banche (ai piedi del centro) – Uscita dalla E45: Spello, oppure (consigliata) Foligno Nord – seguire indicazioni – A 400 mt dal centro storico – Info e prenotazioni: +39 0742-651662; +39 328-7560947 > Area sosta per 100 posti camper, parzialmente ombreggiata e asfaltata, rifornimento acqua, doccia e servizi igienici. Ogni anno offre ai visitatori: fermata trenino turistico per il centro, maxi schermo con proiezione delle immagini delle infiorate, degustazioni di olio extravergine di oliva e prodotti tipici locali.

PARCHEGGIO DEI CAMPI SPORTIVI

Località Osteriaccia – Via Centrale Umbra – Uscita dalla E45: Spello – seguire indicazioni. A 400 metri dal centro storico. Info e prenotazioni: Polisportiva Julia +39 0742-652676 > Area sosta prevalentemente asfaltata e illuminata per circa 300 posti camper. Camper service adiacente: Porta Consolare, all’ingresso del centro storico. Info: VV. UU. tel. +39 0742.651221> Acqua, pozzetto.

INFORMAZIONI TURISTICHE

Percorsi e visite guidate alla scoperta del meraviglioso museo all’aperto che è la città di Spello.

Prenotazioni e informazioni:

Pro Loco IAT Spello: piazza Matteotti 3; 0742-301009; info@prospello.it; www.prospello.it; aperto tutti i giorni ore 9,30-12,30 e 15,30-17,30; il sabato dell’infiorata aperto fino a tarda notte (tel. 0742-301009).

Info Point Sistema Museo: via Tempio di Diana 9; 0742-302239  spello@sistemamuseo.it; www.sistemamuseo.it; aperto dal martedì alla domenica dalle ore 9 alle 13.

LE ORIGINI DELLE INFIORATE DI SPELLO

Ogni anno a Spello, in occasione del Corpus Domini, si confezionano oltre 1.500 metri di tappeti e quadri floreali che si ispirano a motivi religiosi.

Le Infiorate artistiche di Spello in onore del Corpus Domini risalgono agli inizi del ‘900, grazie all’iniziativa di una donna che, intorno al 1930, disegnò sulla strada una semplice figurazione floreale con ginestre e finocchi.   In poco tempo prese piede a Spello la composizione artistica del tappeto fiorito che trasformò la festa del Corpus Domini in un’occasione gioiosa in cui tutte le famiglie e poi gruppi di infioratori sempre più esperti potevano confrontare i propri lavori e premiare quelli giudicati migliori per abilità tecnica, precisione e creatività.

Organizzata negli ultimi quaranta anni dalla Pro Spello e poi dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, con il patrocinio della Regione e degli Enti locali, la manifestazione richiama migliaia di visitatori e turisti: dal 2007 da 80 a 100mila persone arrivano ogni anno a Spello tra il sabato e la domenica per l’occasione.

L’EVENTO

Le meravigliose Infiorate che i visitatori si trovano ad ammirare sono il risultato di un complesso e difficile lavoro che richiede settimane e addirittura mesi di paziente lavoro da parte di molte persone.

Tra le fasi preliminari più importanti e impegnative dell’evento ci sono la ricerca e la raccolta di fiori e poi la selezione e la conservazione dei petali.  Nei giorni che precedono il “Corpus Domini” si assiste ad una vera e propria mobilitazione generale: nutrite squadre di Infioratori si disperdono lungo i pendii del Subasio e nelle vallate umbre e altri cittadini trascorrono le serate nei pianterreni freschi, separando i petali in base ai colori e tritando finemente le erbe profumate.

Alla vigilia del Corpus Domini, sin dal primo pomeriggio, le strade di Spello interessate al percorso della Processione vengono chiuse al traffico.  Si predispongono impianti di illuminazione adeguati e si provvede ad allestire sistemi di protezione antipioggia e antivento sui tratti di strada interessati, per evitare che condizioni atmosferiche avverse compromettano il lavoro degli Infioratori. Dopodiché, con varie tecniche, si inizia ad eseguire il disegno sul fondo stradale, non soggetto ad alcun trattamento. E infine si procede a depositare i petaliI lavori durano l’intera notte e soltanto alle 9 del mattino le strade risultano ricoperte da un unico tappeto policromo e profumato: uno spettacolo unico a vedersi.

Si pensi che in un unico percorso floreale vengono mediamente realizzati circa 80 Infiorate tra tappeti – ciascuno dai 12 ai 15 metri di lunghezza, con una superficie minima di 15 mq – e quadri di grandi dimensioni – dai 25 ai 90 mq.

L’unicità del carattere delle Infiorate è dato dalla tecnica di esecuzione, che comporta l’uso esclusivo di elementi vegetali non trattati con agenti chimici o conservativi né con coloranti artificiali o polverizzati.

Con il passaggio del Sacro Corteo guidato dal Vescovo, si chiude un’esperienza di altissimo impegno artistico ed umano. Infatti, le diverse fasi dell’Infiorate coinvolgono attivamente circa duemila persone: dal bambino che raccoglie i fiori, al pensionato e all’artista che con mirabile tratto riproduce le Madonne della Scuola Umbra, gli Angeli di Giotto o le dolci figure del Botticelli.

Quando la domenica sulle bellissime infiorate scorre la Processione, lo scopo religioso è raggiunto. I preziosi tappeti di fiori possono essere ormai calpestati da chiunque.  La loro effimera gloria è arrivata alla fine, al suo naturale epilogo.

REGOLE E TECNICHE DELL’INFIORATA DI SPELLO

Le Infiorate spellane seguono alcune regole fondamentali:

1. Il materiale proviene dal mondo vegetale

2. Le infiorate non possono essere di lunghezza inferiore a 12 metri e devono essere distanti almeno 1 metro dai bordi della strada, per favorire il passaggio ai visitatori.

3. Si può tracciare il disegno su carta bianca solo nella parti figurative, purché poi non venga colorato.

4. È altresì proibito usare vernici, smalti e similari, colla e derivati.

5. Le infiorate devono terminare entro le ore 9 della domenica.

6. Ai fini della premiazione sono prese in considerazione soltanto le opere di carattere religioso.

7. La Giuria è composta da 5/7 elementi.

La preparazione dell’infiorata è la fase più interessante e viva dell’evento: inizia nel primo pomeriggio del sabato – con l’allestimento delle protezioni e con la creazione o la riproduzione dei disegni sulle sezioni delle strade assegnate a ciascun gruppo – e si protrae per tutta la notte, quando gli infioratori dispongono con la massima precisione i petali sui disegni.

Le specie floreali utilizzate nelle infiorate sono numerosissime: fiordaliso, rosa, garofano, papavero, finocchio, veccia, iris, ginestra, sambuco, margherita, tarassico, cardo, serputello, planzago, viscaria, salvia, linaria, calendula, anemone, cicirilli, magnolia, cipollone, gaggia, fico, quercia, noce, cipresso, pino, orchidea selvatica.

Sono dieci le fasi tecniche dell’infiorata, che seguono un logico rituale in un crescendo di laborioso entusiasmo:

1. La prima fase è progettuale, vale a dire tiene conto della superficie stradale a disposizione, onde permettere di studiare il soggetto e i colori.

2. La seconda fase è di abbinamento tra i colori del bozzetto e dei fiori a disposizione.

3. La terza fase è quella della raccolta dei fiori, che avviene anche a qualche centinaia di chilometri e in vari periodi.

4. La quarta fase è quella della mondatura dei fiori, che consiste nella separazione dei petali per tipo.

5. La quinta fase è la preparazione dei disegni su carta bianca, cosa questa che non tutti i gruppi necessariamente eseguono.

6. La sesta fase è quella della preparazione di stampi che facilitino il lavoro di composizione.

7. La settima fase è l’installazione di tendoni o altri sistemi di copertura che proteggano le opere dalla pioggia e da altre eventuali condizioni metereologiche avverse nonché dal vento.

8. L’ottava fase, eseguita nel pomeriggio del sabato, è quella dell’incollatura, del disegno eseguito (con colla da parati).

9. La nona fase è la composizione del disegno con petali e verdure.

10. La decima e ultima fase è la salvaguardia e la conservazione dell’infiorata mediante irrorazione di acqua con pompe e spruzzatori, in modo che i petali possano restare aderenti all’asfalto  e non appassiscano al calore del sole.  Lo spessore del tappeto è un elemento assai importante, si pensi per esempio che con il sole i fiori finirebbero con il ritirarsi, facendo comparire l’asfalto.

TUTTI I NUMERI DELLE INFIORATE DI SPELLO

Il turismo

Ogni anno Spello registra tra le 80 e le 100.000 presenze nella Notte dei Fiori e durante la processione del Corpus Domini. Oltre 30.000 le visite del sito web nella settimana della manifestazione: tra cui contatti americani, asiatici e i restanti dall’Italia e dall’Europa.

Un centinaio di autobus turistici, circa 400 moto e 300 camper nei parcheggi e nelle aree sosta (auto non suscettibili a conteggi fuori dai parcheggi custoditi).

La preparazione delle Infiorate

3 mesi dedicati alla raccolta dei fiori; 1.500.000 fiori raccolti annualmente;

65 specie floreali, 90 tonalità di colore, con uso esclusivo di materiale vegetale;

50 balconi e davanzali a Spello abbelliti da fiori per il concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti” promosso dalla Pro Loco;

12 (fino a 14) ore consecutive di lavoro da parte degli infioratori che, chini a terra, disegnano i bozzetti e depongono centinaia di milioni di petali sull’asfalto…

Le Infiorate

Nell’Infiorata di Spello, la più estesa che si conosca, vengono realizzati:
oltre 1.500 mq di tappeti e quadri floreali, il percorso comprende le principali vie e vicoli di Spello.

78 infiorate (e relativi bozzetti): 29 Quadri (da 24 a 100 mq), 36 Tappeti (da 12 a 30 mq), 13 tappeti Under 14.

da 24 a 100 mq è la misura dei quadri floreali

da 12 a 30 mq è la misura  di ogni tappeto floreale

140 mq è la misura dell’Infiorata più grande mai realizzata dagli Infioratori di Spello.

Le trasferte

2 Infiorate all’estero (1 a Betlemme e 1 a Bruxelles)

11 Infiorate realizzate in altre città d’Italia, tra cui: Roma, Fabriano, Clès, Padova, Lourdes

3 Infiorate sono state realizzate per Papa Giovanni Paolo II

Protagonisti e Premi

Dai 1500 ai 2000 spellani di tutte le età sono coinvolti nelle varie fasi delle Infiorate, 46 Gruppi di Infioratori,

Quasi mille associati preparano e coordinano di lavori delle infiorate

3 sono le categorie previste nel concorso delle Infiorate: Quadri, Tappeti, Under 14

15 sono i premi della categoria dei Quadri;

5 i premi della categoria dei Tappeti;

5 i premi della categoria dei Under 14

8 i premi speciali assegnati con giuria propria

Al vincitore assoluto è stato assegnato Il Trofeo Properzio (statuetta in bronzo), che custodirà e consegnerà al nuovo vincitore del concorso dell’anno successivo!

I servizi

Infopoint nel centro storico di Spello a disposizione dei turisti; circa 50 esercizi commerciali nel centro storico aperti durante la notte dei fiori; circa 85 volontari hanno prestato servizio dal sabato alla domenica, fornendo informazioni e regolando il traffico dei visitatori, secondo regole precise di viabilità. Circa 6 i parcheggi messi a disposizione dei visitatori e 2 le aree di sosta riservate ai Camper.

La Processione

Solo 1 persona ogni anno, calpesta le Infiorate durante la Processione del Corpus Domini della domenica mattina: IL VESCOVO, CON IL SANTISSIMO SACRAMENTO.

“Piccoli artisti crescono…

sulle strade fiorite di Spello”

UNA LUNGA TRADIZIONE CHE CONTINUA CON I GIOVANISSIMI…

Le Infiorate di Spello si svolgono annualmente in occasione della festa del Corpus Domini. La manifestazione nel corso degli anni è diventata una delle Infiorate più conosciute e apprezzate nel mondo, per la dimensione la qualità artistica delle opere.

L’evento richiede mesi e mesi di preparazione: le operazioni iniziano con la raccolta dei fiori e con la loro conservazione e preparazione (selezione dei petali per tipologia e colore). Tra i 2.000 abitanti spellani coinvolti in tutte le operazioni sono oltre 300 i bambini e i giovanissimi sotto i 14 anni.

NESSUN DORMA!  INIZIA LA NOTTE DEI FIORI

Il momento più interessante per tutti, soprattutto per i bambini, è la “veglia notturna“, che si svolge nella notte tra il sabato e la domenica e che coinvolge attivamente tutte le persone, le famiglie e le comunità di Spello nella realizzazione di oltre 2 km di meravigliosi tappeti e quadri floreali lungo le vie medievali del paese.

Ogni gruppo di infioratori si organizza per preparare torte, panini, bibite calde e caffè per vincere il sonno durante i lavori. Infatti nessuno va a letto a Spello il sabato delle Infiorate, neppure i bambini…. Magari qualcuno farà dei turni e chiuderà un occhio su qualche sdraio posta sotto le strutture di protezione allestite in fase di preparazione; ma l’atmosfera magica che si respira tra i vicoli, la frenesia dei lavori, la speranza di realizzare l’opera più bella e la voglia di dare un contributo di valore e di sentirsi “grandi” come i grandi… tengono tutti svegli. E’ la notte dei fiori!

L’ORGOGLIO DI PARTECIPARE

L’impegno dei bambini di tutte le età è davvero sorprendente. Come i grandi, restano chini a terra per quasi 14 ore consecutive, selezionando minuziosamente i fiori triturati, separandoli in base ai colori e deponendo milioni e milioni di petali sull’asfalto. Leggeri, minuti, agili ed elastici come dei contorsionisti, ai giovanissimi spetta molto spesso il compito di curare i ritocchi finali dei tappeti e dei quadri. Non mancano grida festose, musica, allegria… ma ciò che colpisce è che tutti i bambini che partecipano, dai 4 ai 13 anni, sanno che non si tratta solo di un gioco e si impegnano con la consapevolezza e l’orgoglio di chi sa di fare qualcosa di importante per la comunità e la tradizione artistica della città.

Capaci di reinterpretare temi religiosi e di solidarietà umana con grande originalità e freschezza, agli artisti più giovani di Spello, i futuri Maestri Infioratori è riservato un ruolo speciale tanto che premi e segnalazioni speciali sono previsti nell’ambito del Concorso annuale delle Infiorate (Categoria “Under 14”).

DAL 2011 UN NUOVO TROFEO DEDICATO AGLI UNDER 14

Il 7 giugno 2011 durante l’assemblea dei maestri infioratori dell’Associazione “Le infiorate di Spello” è stato presentato il trofeo “Daniele Ciampetti”, preziosa opera che andrà ad arricchire il montepremi messo in palio per il concorso legato all’infiorata, la manifestazione più importante della città di Spello, nota a livello nazionale e internazionale.

VIII edizione “Finestre, Balconi e Vicoli fioriti”

Concorso nazionale “Comuni fioriti 2012”

CITTA’ DI SPELLO (PG)

A cura della Pro Loco – IAT Spello

1 maggio – 31 luglio

Dal 1 maggio al 31 luglio tutta la città si trasforma in occasione dell’ottava edizione di “Finestre, balconi e vicoli fioriti”, concorso nazionale “Comuni fioriti 2012” che negli ultimi due anni ha registrato veri e propri record di adesioni.

Promosso dalla Pro Loco – IAT Spello – in collaborazione con il Comune di Spello, l’Associazione Le Infiorate di Spello e con il patrocinio della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Perugia -, il concorso si pone l’obiettivo di incentivare e promuovere i valori estetici, ambientali e turistici della città atraverso abbellimenti e decorazioni floreali di vicoli balconi, finestre, angoli caratteristici e spazi urbani.

La partecipazione al concorso è gratuita e aperta a tutti i residenti e proprietari di immobili nei centri storici di Spello e Collepino.

Tra i colori e i profumi dei fiori, tutti i visitatori potranno riconoscere ed ammirare gli allestimenti in concorso grazie a cartelli numerati esposti in modo visibile sui vicoli, sui balconi, sui davanzali e sulle altre strutture che partecipano al concorso.

Le decorazioni saranno premiate in base ai seguenti criteri: la combinazione dei colori dei fiori; una sana e rigogliosa crescita degli stessi; il mantenimento durante tutto il periodo del concorso; l’originalità dei lavori; il recupero e l’abbellimento di strutture edilizie ed architettoniche tipiche; l’inserimento armonico nel contesto urbano e paesaggistico.

La premiazione dei vincitori sarà celebrata domenica 3 giugno alle ore 21.00 in Piazza Vallegloria.

Informazioni:

Pro Loco – IAT Spello

Tutti i giorni compresa la domenica dalle ore 9,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 17,30; il sabato e la domenica delle infiorate orario prolungato. Info: 0742-301009 -  info@prospello.it  www.prospello.it

MOSTRA MERCATO DI FLOROVIVAISMO

“Spello, Giardini in fiore”   VI Edizione

Gardini pubblici

La mostra mercato di florovivasimo organizzata in occasione delle Infiorate del Corpus Domini torna a grande richiesta nel 2012, promettendo un crescente successo di pubblico e di espositori: l’appuntamento con tutti gli appassionati e i professionisti del verde è il 9 e 10 giugno 2012, nei giardini che si trovano ai piedi dello splendido borgo umbro.

La mostra, inserita nel programma de “Le Infiorate di Spello” apre alle ore 10 del sabato per proseguire senza interruzioni fino alle ore 21 circa della domenica, andando ad arricchire la suggestiva e artistica “Notte dei Fiori” di Spello.

Ricco e variegato è l’assortimento di produzioni tipiche e di qualità provenienti dall’Umbria e da altre regioni italiane: piante grasse, specie da collezione e piante carnivore, le particolarissime tillandsie, pelargonium a foglia odorosa e geranei in genere, piante mediterranee e tropicali in vaso, rose protee, piante di agrumi eduli, ornamentali e di interesse storico, nonché produzioni e collezioni di lavande aromatiche.

E inoltre, nell’ambito delle decorazioni e dei complementi di arredo esterno: produzione artigianale sul momento di terrecotte, manufatti unici ed originalissimi creati da artigiani locali e non.

Partecipano alla mostra espositori italiani e umbri selezionati per tipicità e qualità di produzione: produttori rinomati a livello nazionale e realtà anche più piccole capaci di soddisfare le aspettative dei visitatori più esigenti, con articoli ricercati e di eccezionale bellezza ed originalità.

Tra gli espositori:

  • Ceramiche Angeli Massimo, (Gualdo Tadino – PG),
  • Cipriani Piante di Cipriani Davide (Latina) collezione di rose e piante verdi,
  • Fiori e Colori di Elena Guerra (Milano), hobbista,
  • Garden Flowers (Bergamo) specializzato in bulbi,
  • Hannibal plants (Latina) piante carnivore,
  • Il Lavandeto di Assisi, (Assisi-PG) collezione di lavande e piante aromatiche,
  • Il Floricoltore (Latina) piante verdi e fiorite,
  • Il Pungivendolo (Viterbo) piante grasse,
  • Le Rose bijoux (Latina) hobbista,
  • Lumen (Spello – PG) artigianato,
  • Onori Floriana (Latina) orchidee,
  • Plantas y Viento, tillandsie.

Info, prenotazione e gestione spazi:

Francesca Rossi 0742-651772 francesca@tgceventi.it

Che cosa visitare a Spello

Nota come la città del Pintoricchio, Spello propone diversi percorsi di visita

 tematici alla scoperta dell’arte, dell’archeologia e della natura

Il percorso del Pintoricchio

  • Chiesa di Santa Maria Maggiore (secc. XII-XVII), con facciata tardo cinquecentesca. All’interno, si trovano gli affreschi della Cappella Baglioni (1501) riconosciuta come il capolavoro di Bernardino di Betto detto Pintoricchio (1454-1513).
  • Palazzo dei Canonici, sede della Pinacoteca, ricca di opere risalenti ai secc. XIII-XVIII.
  • Chiesa di S. Andrea (XIII sec.), con affreschi di scuola folignate del sec. XV, una grande pala d’altare del Pintoricchio e un Crocifisso attribuito a Giotto. CHIUSA PER RESTAURO.

E inoltre:

  • Infopoint, punto di partenza dei percorsi di visita, localizzato nei pressi della Porta Consolare, al piano terra di Palazzo Bianconi, all’ingresso della città. Conserva un antiquarium archeologico con steli, iscrizioni e il corredo di una tomba femminile
  • Museo delle Infiorate, (piano terra Palazzo Comunale), memoria storica della tradizione artistica più nota del luogo, le Infiorate del Corpus Domini
  • Chiesa di S. Lorenzo (1120), profondamente modificata tra ‘500 e ‘600, conserva un prezioso tabernacolo in marmo di Flaminio Vacca (fine ‘500). CHIUSA PER RESTAURO
  • Porta Venere e Torri di Properzio, di età augustea, una delle porte urbiche più delle città romana.
  • Palazzo Comunale con la raccolta archeologica, tra cui il noto Rescritto Costantiniano, Sala dell’Editto, Sala degli Stemmi, Sala degli Zuccari e Biblioteca Fondo Antico
  • Collezione Emilio Greco (2° piano Palazzo Comunale), oltre 38 opere tra litografie, acqueforti e scultore che l’artista ha donato alla città nel 1989.
  • Cappella di Sant’Anna (detta Tega), piccolo contenitore artistico dell’arte mistica di Nicolò di Liberatore detto l’Alunno (sec. XV)
  • Torre S. Margherita (riconosciuta dall’Unesco come monumento messaggero di cultura e di pace), sede della Fondazione Sinisca con esposizione di opere d’arte contemporanee (su prenotazione)
  • Villa romana (loc. Sant’Anna, appena fuori dalle mura) con oltre 300 mq di mosaici policromi (sec.II-III d.C.)

Fuori dalle mura meritano una visita anche l’Anfiteatro romano del periodo glorioso della Colonia Julia (I secolo d.C.), la Chiesa di S. Claudio, bell’esempio di architettura romanica, costruita su un’antica area sacra,  il percorso storico-naturalistico lungo l’Acquedotto Romano, che porta alla scoperta del paesaggio del Monte SUbasio, e il museo-parco di Villa Fidelia (XVI sec.), dove è ospitata la collezione della famiglia Straka-Coppa, con opere dalla fine dell’800 ai giorni nostri.

Inaugurato nel 2009, il Centro Studi Musica MedievaleA. Broegg”, con sede nella chiesa di S. Maria della Consolazione di Prato (secc.XIV-XVIII), è punto di riferimento internazionale per la musica antica e sede dell’attività dell’Ensemble Micrologus. Ospita una mostra di strumenti antichi, oltre ad affreschi di scuola Umbra.

Informazioni:

Associazione Le Infiorate di Spello

Piazza della Repubblica – 06038 Spello (PG) Tel. +39 0742-301146 – info@infioratespello.it

Comune di Spello

Via Garibaldi, 19 – 06038 Spello (PG) Tel. +39 0742-30001 – cultura@comune.spello.pg.it

Pro Loco – IAT Spello
Piazza Matteotti, 3 Tel. 0742-301009 – info@prospello.it

Sistema Museo:

Via Tempio di Diana 9; Tel. 0742-302239  spello@sistemamuseo.it