Mon-Sat: 8.00-10.30,Sun: 8.00-4.00
CELTICA, la festa internazionale di arte, musica e cultura celtica dall’1 al 4 luglio in Val Veny | Viaggiando Facile
Home » Uncategorized  »  CELTICA, la festa internazionale di arte, musica e cultura celtica dall’1 al 4 luglio in Val Veny | Viaggiando Facile
CELTICA, la festa internazionale di arte, musica e cultura celtica dall’1 al 4 luglio in Val Veny | Viaggiando Facile

Scritto da Michela | 22 giugno, 2010 9:00

In Valle d’Aosta, tra il magico bosco del Peuterey ai piedi del monte Bianco e il Forte di Bard, baluardo della cultura, dal 1° al 4 luglio 2010, si svolge il Festival celtico più alto d’Europa.  Oltre 200 eventi concentrati in quattro giorni: 50 concerti e spettacoli di danza, 23 animazioni, 101 workshop, 29 conferenze e molto altro ancora… 

Il suo cuore pulsante è ai 1500 metri di quota del secolare bosco del Peuterey, in Val Veny, a Courmayeur, ai piedi del Monte Bianco in Valle d’Aosta, la sua linfa è la musica, la sua energia è quella che scaturisce dalle danze, dalle risate, dall’incontro e più in generale dallo stare insieme. CELTICA 2010, la festa internazionale di arte, musica e cultura celtica più alta d’Europa, dedicata ai Celti antichi e moderni che amano incontrarsi ai piedi delle Grandi Montagne, è pronta ad accogliere le migliaia di amici che ogni anno rinnovano l’invito “Qui non ci sono estranei, solo amici che non abbiamo ancora incontrato”.  

Dal 1° al 4 luglio 2010 CELTICA torna la protagonista assoluta delle giornate ai piedi della catena del Monte Bianco con oltre 200 eventi in programma e con oltre 300 artisti delle nazioni celtiche che animeranno la 14ª edizione dell’evento, portando musica, danze, cultura e storia vivente ad Aosta, Courmayeur, Pré-Saint-Didier e Bard. Sono i luoghi del Festival a rendere ulteriormente unico l’appuntamento di luglio che ha come cornice quel ricco patrimonio naturale, artistico e culturale, tra castelli, fortezze, cime maestose, boschi verdeggianti e testimonianze del passato. 

Ognuno sarà coinvolto in prima persona per vivere pienamente la festa, adulti e bambini potranno approfittare delle molte attività, dagli stages di danza ai corsi di musica, dalle conferenze ai laboratori artigianali, dai racconti attorno al fuoco ai giochi nella Natura. Ogni senso sarà coinvolto. 

CELTICA è la festa creata nel 1997 dall’associazione Clan Grande Orsa per riunire in Valle d’Aosta appassionati e curiosi della cultura celtica. Il luogo scelto è naturalmente magico, l’aria che vi si respira, le vibrazioni musicali dei più grandi artisti celtici arrivano direttamente al cuore e permettono di vivere un sogno antico fatto di musica e danze, concerti e sfilate, conferenze e giochi, poesia e rievocazioni storiche, tra gli alberi del bosco secolare o tra le mura di un antico forte.

Passato e il presente si uniscono in atmosfere poetiche, create dall’arpa celtica e dalle cornamuse scozzesi, dai tamburi galiziani, dalle danze irlandesi, dagli accampamenti storici e dai racconti di storie e leggende antiche. CELTICA e le emozioni che sa regalare si rinnovano ogni anno con proposte nuove. Tra le novità  2010 spicca il primo Festival dedicato all’Arpa Celtica, che tra il borgo di Courmayeur e il Forte di Bard ospiterà arpisti provenienti da Canada, Argentina e Italia, e il primo Trofeo Camac/Celtica per Arpa Celtica.

La musica, da sempre protagonista durante il festival celtico più alto d’Europa, apre così un nuovo capitolo dalle intense e magiche sonorità che renderà protagonisti i musicisti che parteciperanno alla kermesse. A CELTICA il cuore della festa è fra gli alberi del Bosco del Peuterey dove durante il giorno si svolgono gli stages, il mercatino di artigianato e le conferenze di studiosi, le narrazioni per i bambini e gli stage di danza, i corsi di musica e le passeggiate della natura, i laboratori artigianali e le esibizioni di musicisti emergenti e affermati.  

Alla sera, sul palco principale, nel cuore del bosco, concerti sono un susseguirsi di energia ed emozioni con artisti di fama internazionale venuti da diverse parti del mondo. E poi, per chi ha ancora voglia di musica, presso il Pub nel Bosco, si susseguono fino a notte fonda le session della tradizionale “Veilla Celtique“, quando i gruppi della serata continuano a fare musica per creare la festa nella festa.  

E così di concerto in concerto, di sfilata in sfilata tutti i musicisti del festival si ritrovano l’ultima sera nel bosco per intonare all’unisono, artisti e pubblico, “GreenLands” (l’inno delle Nazioni Celtiche) e allora non ci sono parole per descrivere questo momento particolare e intenso. Bisogna gustarlo in prima persona… Scorrono intensi e rapidi i quattro giorni dedicati agli eventi e nell’ultimo pomeriggio, attorno al menhir, si saluteranno e ringrazieranno il Bosco, le Grandi Montagne e la Valle intera per l’ospitalità concessa e si partirà alla volta del Borgo e del Forte di Bard, dove l’ultima giornata di eventi chiuderà la festa.  

E si tornerà a casa… sognando… CELTICA… un altro anno ancora…

Fonte: comunicato stampa  www.celtica.vda.it